Cavalcanti, Biltà di donna

Print pagePDF page

Guido Cavalcanti, Rime, Biltà di donna

 

Biltà di donna e di saccente core
e cavalieri armati che sien genti;
cantar d’augelli e ragionar d’amore;
adorni legni ’n mar forte correnti;

aria serena quand’ apar l’albore     5
e bianca neve scender senza venti;
rivera d’acqua e prato d’ogni fiore;
oro, argento, azzuro ’n ornamenti:

ciò passa la beltate e la valenza
de la mia donna e ’l su’ gentil coraggio,     10
sì che rasembra vile a chi ciò guarda;

e tanto più d’ogn’ altr’ ha canoscenza,
quanto lo ciel de la terra è maggio.
A simil di natura ben non tarda.