D’Annunzio, Canto dell’ospite

Print pagePDF page

Gabriele D’Annunzio, Canto novo, X

 

O falce di luna calante
che brilli su l’acque deserte,
o falce d’argento, qual messe di sogni
ondeggia a ‘l tuo mite chiarore qua giù!

Aneliti brevi di foglie
di fiori di flutti da ‘l bosco
esalano a ‘l mare: non canto, non grido
non suono pe ‘l vasto silenzïo va.

Oppresso d’amor, di piacere
il popol de’ vivi s’addorme…
O falce calante, qual messe di sogni
ondeggia a ‘l tuo mite chiarore qua giú!